lunedì 23 agosto 2010

18° tappa: Ettlingen - Milano - Trapani

Per la prima volta in tutto il viaggio ho messo la sveglia... ed è arrivata, alle 5, con tutta la sua dirompenza. Apro gli occhi, e prima di alzarmi vedo a fianco a me Piero: sembra in coma, è ancora vestito. Caspita, anch'io sono ancora vestito!! Esco dalla stanza da letto e sento un suono che mi ricorda qualcuno: è Filippo, che ieri sera non ce l'ha fatta nemmeno a salire al primo piano per andare nella sua stanza, ed è rimasto divaccato sul divano, con a fianco Marco che gli alitava in volto. Ci sono i piatti della cena di due sere fa ancora da lavare, la spazzatura da portare giù, e un sacco di indumenti e attrezzature da viaggio sparse per casa da sistemare. Fortunatamente Filippo si alza subito dopo, e Marco lo segue a ruota. Il primo dopo 5 minuti di smarrimento, comincia ad aiutarmi, il secondo invece raccoglie di fretta le sue ultime cose e si dirige senza esitazione in macchina, dove continuerà a dormire a Milano (con qualche piccola interruzione di cui accenneremo di seguito). Piero invece non si sveglia neanche con le cannonate.
Finalmente io e Filippo finiamo di sistemare casa, riproviamo per l'ennesima volta a svegliare Piero, ma niente da fare. Gli facciamo la valigia: e decidiamo che successivamente l'avremmo preso di peso e caricato in macchina. Sono le 6, dobbiamo fare 7 ore di strada, e in prima serata ci aspetta l'aereo per la Sicilia: abbiamo i minuti contati. Fortunatamente ci siamo risparmiati la faticata, perchè Piero riesce a salire in macchina con le sue gambe.
Si parte, e mi metto alla guida con la consapevolezza che, se dipendesse dagli altri tre, potevamo tranquillamente perdere l'aereo. Un po' intontito, ma inaspettatamente lucido, parto alla volta dell'Italia, in quella che sarà l'ultima prova per la nostra 106: riportarci a casa sani e salvi.
Il viaggio verso Milano è stato lungo, e molto faticoso: per me, che mi sono fatto 6 ore e mezza di macchina in quelle condizioni, per Filippo, che è riuscito a farmi compagnia per tutto il viaggio senza mai addormentarsi (grande Fili!!), per Marco, costretto con un sacchettino di carta al suo fianco, per Piero.. No per Piero non è stata faticosa, ha dormito tutto il tempo!!
A parte 6 o 7 soste richieste da Marco per consentirgli 'di prendere un po' d'aria', il viaggio è andato bene. Arriviamo a Milano verso le 14, come da programma. Marco è ancora in coma, Piero si è appena svegliato, e Filippo è letteralmente euforico: dal sedile lato passeggero comincia a sostituirsi al navigatore, elencandomi tutte le vie di Milano da prendere, e facendo il conto alla rovescia dei metri che ci separavano da casa sua.
Finalmente arriviamo, e il viaggio si conclude con un abbraccio, fra di noi, e con la 106. Questo supermacchinone da alcuni di voi tanto sottovalutato ci aveva riportato a casa come se nulla fosse, e noi ne andiamo fieri.
Saliti a casa di Filippo, facciamo un piccolo pranzo (la nausea si fa ancora sentire), riposino, e poi arriva Alessio, che ci accompagna all'aeroporto. E' la prima persona amica che incontriamo nel post-viaggio, e si aspetta di sentire valanghe di racconti... ma, a dimostrazione della nostra stanchezza, finisce che ci dice quasi più lui della sua clausura in casa nella Milano d'agosto, di quanto noi dei nostri 22 giorni di giro per l'Europa...
Non si può dire lo stesso di coloro che ci hanno accolto a Trapani... Almeno io, che ero nella macchina di Carlo e Leonardo, sono stato tutto il tempo a ricordare le nostre imprese, e penso abbiano fatto lo stesso gli altri, nella macchina di Pietro. Ringraziamo Alessio, Pietro, Carlo e Leonardo per averci offerto un piccolo supporto logistico per questo viaggio.

Pensavo ci fosse meno da raccontare di questa giornata, ma vedo che ho scritto già tanto. In realtà volevo più che altro tirare le somme di un'esperienza simile, ma probabilmente faremo qualche altro post, mettendoci ognuno le nostre impressioni.

Quindi continuate a seguirci!!!

2 commenti:

  1. Ahahah.. I vari racconti usciranno poi col tempo.. Poi cmq come si potrà vedere in un video c'ero anche io con voi!! :) sopratutto qnd siamo passati dall'Estonia!! :) a presto.. E spero d esserci anche io davvero nella prossima avventura! Cià!!

    RispondiElimina
  2. ich hoffe, dass euch das Vogelbier so gut geschmeckt hat, um mal wieder einen Besuch dafür in Ettlingenweier zu machen.
    Grüße an alle Tine

    RispondiElimina