sabato 7 agosto 2010

6° Tappa: Etne - Aurland


La sveglia è molto rilassata forse anche per la quiete che ci trasmette il paesaggio. Si parte per le 11:00 direzione Flam; sulla strada ci fermiamo ad osservare un paio di cascate mozzafiato.
Per il pranzo ci fermiamo ad Odda un paesino caratteristico su un lago (come tutti del resto). Entriamo al supermercato e come di consueto in Norvegia troviamo prezzi esorbitanti, soprattutto per quanto riguarda il pane.

Passiamo circa 10 minuti davanti allo scaffale del pane sforzandoci per sceglierne uno conveniente: quando d'un tratto si avvicina una vecchietta con un pacco di pane in mano blaterando qualche frase, visto che Lei usa il norvegiese penso bene di tentare di comunicare con lei utilizzando l'italiano ("Tu ti mangi questo? E' buono?"). Ad un certo punto si concentra fortemente e scandisce due semplici parole "little money" noi rispondiamo con urla di approvazione accaparrandoci quest'opportunità.

Potenza dell'inglese.

Il pranzo consiste in pollo arrosto e pane "little money" (1€ 750g) il tutto mangiato sulle panchine in centro con la gente che ci guarda come allo zoo, come di consueto. Si riparte! la tappa prevede 2 scalate fino a 1200metri, il paesaggio varia molto rapidamente passando da montagne boscose del livello dal mare, ad un paesaggio molto vellutato e lunare dei 1200 metri. Scopro con stupore che oltre i 1000 metri difficilmente si vede un albero in Norvegia.

Potenza del Freddo

Ci troviamo all'ultima discesa a 20 km da Flam, la nostra metà, quando PATATRAC dalla macchina comincia ad uscire una puzza nauseabonda e fumo bianco dalle ruote anteriori le pastiglie sono roventi. Probabilmente chi ha votato "La Peugeot rimarrà dispersa in qualche fiordo norvegese" stà già esultando, ma farebbe bene a calmarsi perchè dopo aver fatto raffreddare i freni la peugeot è ripartita alla grande!!! Anche se per precauzione ci siamo fermati prima a Aurland in un posto dimenticato da Dio a 10km da Flam.

Potenza delle discese

Troviamo una dolce casetta sul fiume, ci accoglie un simpatico vecchiettino che non parla inglese, per fortuna l'unica cosa che ci interessa a noi è il prezzo per dormire e quello si capisce in tutte le lingue! Finiamo in un monolocale con cucinotto e 4 letti a 2 passi dal fiume in un posto che sembra incantato per bellezza e tranquillità.

A cena proviamo un pessimo salame di renna e un risotto Knorr e gamberetti. Andiamo a Letto presto domani giornata campale!!!

2 commenti:

  1. dai peugeottina....non mollare, io ho votato che arrivi a caponord, non mi deludere!!!

    RispondiElimina
  2. mi chiedo che sapore abbia il salame di renna... :-P

    RispondiElimina